Bilancio di un successo atteso e confermato per i “Bisi di Baone” 2014

A poco più di una decina di giorni dalla conclusione della Festa dei Bisi di Baone e dalla rassegna gastronomica che ha fatto da ambasciatrice all’ormai nota manifestazione di questo paese incastonato sui Colli Euganei, coinvolgendo dieci ristoranti del territorio provinciale padovano, gli organizzatori, per primi la Pro Loco di Baone e i rappresentanti dell’associazione dei coltivatore di piselli Bisi&Bisi, hanno tracciato il positivo bilancio della 16 edizione. Una grande festa popolare e popolana che come nelle aspettative ha coinvolto migliaia di persone durante tutto il calendario della manifestazione e, soprattutto, gli oltre 400 ospiti che hanno partecipato alle serate gastronomiche dei dieci ristoranti all’insegna di menù tutti a base del “pisum sativum “coltivato nel comprensorio Euganeo che trova il proprio punto di unione nella municipalità di Baone.

Piccola cittadina dalla quale per questo 2014 è partita anche il coinvolgimento dei ristoranti associati alla Confesercenti provinciale di Padova per dare una maggiore diffusione sia al tradizionale appuntamento con la Festa dei Bisi, che ha visto un’affluenza di oltre 6000 visitatori dal 30 maggio al 3 giugno, sia per divulgare presso un pubblico di esigenti palati e attenti gourmet, le peculiarità e le prerogative organolettiche dei verdi bacelli coltivati con amore e dedizione dai produttori dei Colli. Aiutati, in quest’opera di valorizzazione e promozione dai Gal Patavini che non hanno mancato di presenziare con i loro rappresentanti, sia nel corso della festa di piazza che nei diversi ristoranti, ribadendo la valenza e l’importanza di questa espressione orticola, ma anche agroalimentare e gastronomica del verde territorio Euganeo. Una vera e propria perla verde, ambita sia dai professionisti della ristorazione, dalle buone forchette ma anche dagli innumerevoli e semplici consumatori che attendono ogni anno il momento tardo primaverile per poter accaparrarsi la primizia territoriale di stagione per eccellenza e meglio nota come : i “bisi” di Baone. Piselli apprezzati proprio per la loro unicità dovuta in gran parte alle felici condizioni di cui gode il territorio: clima dolce, terreno fertile e ricco di torba, l’esistenza di numerose sorgenti di acqua fredda e calda (fonti solforose della Valle Calaona, che sgorgano a temperatura variabile, da 25 °C a oltre 50 °C) e che ospita le colture dei verdi filari in questa parte a Sud-Est ai piedi degli Euganei. Insomma, commentano i dirigenti della Pro Loco e i rappresentanti dei produttori, un successo che non solo ha pienamente soddisfatto le loro attese ma ha confermato, anche per questa sedicesima edizione, la validità della loro iniziativa volta a diffondere quanto più ampiamente possibile la produzione di questo ortaggio. Coltivato in modo del tutto naturale secondo un preciso protocollo che gli stessi produttori si sono dati spontaneamente andando oltre e al di la dell’ufficialità dei diversi disciplinari previsti dalle norme vigenti. Un metodo agronomico fondato sul rispetto assoluto della natura, così hanno avuto la possibilità di spiegare i produttori nel corso della manifestazione e lungo il calendario delle serate della rassegna gastronomica a ristoratori e loro clienti. Un metodo naturale che fa di questa loro prelibatezza un vero e proprio tesoro del territorio particolarmente vocato a questa coltura. Oltre alla vitivinicoltura che, nel corso della Festa dei Bisi, ha accompagnato, con in vini del Consorzio Colli Euganei Doc e Docg, i piatti a base di piselli di Baone serviti alle migliaia di persone che hanno affollato sia lo stand gastronomico della Festa, sia l’isola del Gusto. Dove nei diversi banchi degustazione al centro del paese, si sono avvicendati chef professionisti e produttori di specialità di alta caratura gastronomica, come il notissimo presidio Slow Food “ Oca in onto”. Che per questa edizione della Festa dei Bisi 2014 è stata proposta in originale versione Oca Burgher, con salsa di piselli di Baone. Una apprezzata ghiottoneria che di contro, ha replicato il successo dei tanti piatti innovativi e della tradizione ideati dai ristoratori per il “Girogustando con in Bisi” , questo il nome dato alla rassegna gastronomica itinerante nei dieci ristoranti della provincia di Padova, associati alla Confesercenti. E anche se la primavera 2014 non è stata generosa e clemente da un punto di vista climatico, precisano gli organizzatori, grazie al corale impegno di quanti si sono adoperati, Pro Loco, Associazione Produttori, l’Amministrazione Comunale, Confesercenti, Gal Patavini, volontari, ristoratori, la soddisfazione del numerosissimo pubblico e degli illustri ospiti che hanno presenziato alla festa e alle cene, il bilancio va inserito negli annali di Baone. Ulteriore sprone per il 2015,vista anche la preziosa attenzione riservata dalla stampa, locale, nazionale e del mondo web.

Recommended Posts