[VERSIONE ITALIANA]

C’era una volta un principe, che regnava su una terra ricca e generosa. Fra le colline si coltivavano ortaggi di ogni genere, e la primizia che più dava gioia al palato erano i bisi.

Il principe aveva passato da un pezzo l’età dei giochi, ma non aveva ancora trovato una fanciulla degna di portare un giorno la corona del suo splendido regno. La regina, quindi, decise un giorno di scuoterlo da questa solitudine e gli affidò un compito: andare alla ricerca di una principessa nei regni vicini.

Il principe viaggiò a lungo, ma non trovò mai una principessa della quale innamorarsi. Avevano tutte qualche piccolo dettaglio che non andava bene. Alla fine, dopo lunghi mesi passati a cavallo fra una reggia e l’altra, tornò sconsolato nel suo castello.

Dopo questa ricerca infruttuosa il principe si rinchiuse in un silenzio triste e rassegnato. Era certo che non avrebbe mai trovato una principessa e la sua corona era così destinata a rimanere senza un erede.

Nel bel mezzo di una notte di tempesta, però, bussò alla porta del castello una giovane donna. Alle guardie disse di essere la principessa di un regno molto lontano: stava passando con la sua carrozza e la sua scorta nella vicina foresta, quando i briganti avevano attaccato il convoglio. La principessa si era salvata per miracolo, e cercava riparo nel castello.

Quando il principe la vide, anche se era inzuppata di pioggia e con le vesti sporcate di fango nella fuga dai briganti, se ne innamorò immediatamente. Il bello è che anche la principessa si innamorò del protagonista della nostra favola.

Era amore a prima vista. Ma la regina, saggia ed esperta delle cose d’amore, volle mettere alla prova la principessa. Le fece preparare quindi una camera per la notte, con un letto formato da 20 materassi uno sopra l’altro e 20 cuscini. Sotto l’ultimo materasso, quello più vicino al pavimento, aveva fatto mettere un unico pisellino. Un insignificante perla verde, che avrebbe decretato se la principessa era davvero degna di stare vicino al principe.

Solo una principessa di grande lignaggio, infatti, si sarebbe accorta del pisellino nonostante i 20 materassi!

Al mattino successivo la regina incontrò la principessa e le chiese come avesse passato la notte. “Male – rispose questa – nel letto c’era qualcosa che non mi ha fatto dormire, come un sassolino nel materasso. Era un pisello, che chissà come era finito nel mio letto”.

La regina, raggiante di felicità, stava per abbracciare la principessa. Ma questa la gelò: “Sua maestà – disse – mi duole dirle che i bisi di questa vostra magnifica terra non possono reggere il confronto con quelli che vengono coltivati nel mio regno. Sono bisi magici, i più piccoli, delicati e gustosi bisi che esistano sulla faccia della terra”.

La regina stava per andare su tutte le furie, quando la principessa si inginocchiò davanti a lei. “Per questo motivo vi prego di accettare – disse, porgendo una mano piena di piccoli semi – questo dono da parte mia. Sono i bisi della mia terra, che temo di non vedere mai più. Sono certa che nel vostro regno cresceranno rigogliosi e ancora più verdi”.

Furono chiamati i “bisari” di corte e si diede il via alla semina dei nuovi bisi. Il raccolto fu meraviglioso, e in ogni parte del regno si sparse la voce dei nuovi bisi. I più buoni dei sette regni, i più belli del creato. E il pranzo delle nozze fra il principe e la principessa fu preparato con quei bisi, per la gioia di tutti.

E vissero felici e contenti nel regno di Baone, dove ancora oggi vengono coltivati i bisi più prelibati!

Liberamente ispirata alla favola “La principessa sul pisello” di Andersen

[VERSIONE VENETA]

Ghe jera na volta un principe, che el regnava su na tera siòra e generosa. In te le coline i curava verdura de tute le qualità, ma quela che la faseva pì festa nel palà i jera i bisi.

El principe el gaveva passà da un toco l’età dei zugatoli, ma no’l gaveva gnancora catà na putela cussì brava da portare in testa un dì la corona del so splendido regno. La regina, quindi, la ga deciso un dì de darghe un scorlon e la ghe ga afidà un conpito: andare in serca de na principesa nei regni tacà.

El principe el ga viajà un pasto, ma no’l ga mai catà na principesa dela quale inamorarse. Tute quante le gaveva qualcossa che no andava ben. Ala fine, dopo un mucio de tenpo pasà a cavalo fra un castelo e quel’altro, el ze tornà a casa tristo.

Dopo sta batùa, el principe el se ga sarà in un silensio desperà. El jera sicuro che no’l gavaria mai trovà na principesa e la so corona la jera destinà a restare sensa un erede.

Nel bel mezo de na note de tenpesta, però, la ga batù al porton del castelo na putela. Ale guardie la ghe ga dito de essare la principesa de un regno distante: la jera drio pasare con la so carossa e la so scorta nel bosco lì tacà, quando che i briganti i ga atacà el convoglio. La principesa la se jera salvà par miracolo, e la cercava riparo nel castelo.

Quando che el principe el la ga vista, anca se la jera tuta bronba e cola cotola inpaltanà, el se ga subito inamorà. El belo el ze che anca la principesa la se ga inamorà de lu.

El jera amore a prima vista. Ma la regina, navigada nele robe d’amore, la ga volesto metare ala prova la principesa. La ga fato quindi pareciare na camara par la note, co un leto fato da 20 stramassi uno insima a quel’altro e co 20 cussini. Soto l’ultimo strmasso la ga fato metare un unico biso. Na perla verde granda cofà un’ongia, che la gavaria fato capire se la principesa la jera davero degna de stare tacà al principe.

Solo na principesa de gran fameja, infati, la se saria incorta del biso soto i 20 stramassi. Ala matina dopo la regina la ga incontrà la principesa e la ghe ga domandà come che la gaveva pasà la note.

“Male – la ghe ga risposto questa – ghe jera qualcossa che no me faseva dormire, come na piereta nel stramasso. El jera un biso, che chissà come che el jera finio nel me leto”.

La regina, tuta contenta, la jera drio darghe un bel strucon. Ma la principesa la ga lassà de giasso: “Sua maestà – la ghe ga dito – me dispiase de dirghe che i bisi de sta vostra bela tera no i pole starghe gnanca tacà a queli che vien curà nel me regno. I nostri i ze bisi incantesimà, i pì picenini, delicati e magnaissi che ghe sia al mondo”.

La regina la jera drio invelenarse duro, quando che la principesa la se ga inzenocià davanti a ela. “Par sto motivo ve prego de acetare – la ga dito, mostrandoghe ala regina na sbrancà de semi – sto regalo da parte mia. I ze i bisi dela me tera, che go idea no vedarò mai pì. So sicura che nel vostro regno i cressarà ancora pì beli e pì boni”.

I ga subito ciamà i bisari de corte e i ga dà el via ala semina dei novi bisi. El racolto el ze sta na meraveja del creato e in ogni canton del regno se ga sparsa la voce dei novi bisi. I ieri i pì boni dei sete regni e i pì beli. E el pranso del sposalissio fra el principe e la principesa el ze sta parecià co quei bisi, par la contentessa de tuti quanti.

E i ga vivesto felici e contenti nel regno de Baon, dove che anca uncò vien curà i bisi pì boni del creato.

Liberamente ispirà ala favola “La principessa sul pisello” di Andersen
Recommended Posts